La storia vista dalle aule della scuola elementare Cesare Battisti

Giuseppe Criscenti è nato ad Agrigento nel 1977 e insegna nella Scuola Primaria Statale Cesare Battisti di Camposampiero da dodici anni, ma il suo interesse per la scuola va ben oltre l'insegnamento. Perchè Criscenti, grazie ai suoi scritti e alla sua curiosità, lascia al suo paese di adozione la testimonianza del patrimonio scolastico del paese. Nel 2008, in occasione della nascita dell'Istituto Comprensivo Statale Parini, ha pubblicato il libro “Storia illustrata delle scuole elementari di Camposampiero e di Rustega” e quest'anno è uscito con un saggio sulla figura del patriota “Vito Filipetto. L'uomo, il maestro, il partigiano” a cui non a caso è stata intitolata la via dove sorgono le scuole.
Ma il libro che l'autore ha presentato al pubblico in sala Filarmonica racconta la “Storia della scuola elementare Cesare Battisti di Camposampiero” pubblicato quest'anno in occasione dell'inaugurazione della scuola Battisti a completamento dei lavori di ristrutturazione.
L'ultima ricerca d'archivio e di incontri redatta dall'autore, offre al lettore l'opportunità di comprendere importanti passaggi storici che riguardano l'educazione e la didattica di un istituto che risale al 1905. Il sottotitolo “Da una scuola con divisa a un'educazione condivisa” preannuncia la trama che si snoda in dodici capitoli e che ripercorrono la storia della scuola dall'istruzione del Regno Lombardo-Veneto, la Battisti nel periodo della seconda guerra mondiale e del dopo guerra, durante il fascismo, l'istruzione, i direttori scolastici, i maestri, i bidelli, giungendo ai giorni d'oggi, dove la scuola non è più severa e autoritaria. “Quando nel 2010 la scuola è stata chiusa per i lavori di ristrutturazione - ha spiegato - la prima cosa a cui ho pensato è stata di dare agli alunni e a tutte le persone che passeranno e sono passate per questa scuola un libro che ci racconta la sua storia”.
Oltre 150 illustrazioni storiche evocative che raccontano l'evoluzione dei costumi e dei volti dei maestri, alunni, direttori che la memoria non ha cancellato. Fra le pagine, molte testimonianze di chi ha vissuto la Battisti. “La scuola è un pezzetto della nostra vita - ha detto - ed è stato un momento importante raccogliere le testimonianze e reperire le foto. Le foto hanno un valore importantissimo, perchè immortalano in un attimo ciò che non tornerà più indietro e testimoniano il cambiamento avvenuto negli anni per questo vorrei ringraziare tutte le persone che mi hanno aiutato in questo libro”.
Fra i ringraziamenti rivolti, non è mancato quello rivolto alle amministrazioni comunali che hanno sostenuto il progetto e che hanno avuto e hanno a cuore per la scuola.

Tags: CESARE BATTISTI|ISTITUTO COMPRENSIVO PARINI|GIUSEPPE CRISCENTI|SALA FILARMONICA