Passa da Cà Marcello il rilancio del comparto veneto dell’illuminazione

Il 2016 prende avvio con diverse iniziative messe in campo dalla Rete di Imprese Luce in Veneto, recentemente costituita allo scopo di sostenere il comparto illuminotecnico veneto.
Il 18 maggio la Rete ospiterà la sessione plenaria del progetto europeo “SSL-erate” presso l’Aula Magna Cà Dolfin a Venezia, grazie al partenariato con l’Università Cà Foscari. Cluster, città e centri di ricerca coinvolti nel progetto si confronteranno in merito alle iniziative promosse per diffondere la conoscenza degli ultimi studi in tema di applicazione dell’illuminazione human-centric nell’educazione, nella salute e nella cura delle persone anziane, in luoghi come: ambito domestico, scuole, posti di lavoro, ospedali e smart city.
Tali risultati saranno successivamente oggetto di confronto sul territorio con le aziende e gli operatori di settore nell’ambito delle due giornate di lavoro previste per il 19 e 20 maggio presso la Villa Cà Marcello di Piombino Dese e il Museo Civico di Bassano del Grappa. Al Convegno interverranno prestigiosi esperti sul tema “Settore delle costruzioni e città: le nuove frontiere dello smart lighting”.
E’ prevista, in particolare, la presenza dell’Università Aalto (Finlandia) sugli ultimi studi in materia di effetti non visivi della luce, dell’Università di KU di Leven (Belgio) sulla metrica migliorativa per migliorare la resa cromatica e del Cluster Lumiere di Lione (Francia) su modelli di costo ed evidence data per l’innovazione. Al fine di promuovere un confronto sulle buone prassi in tema strategico delle smart city sono stati coinvolti: il Comune di Bassano del Grappa, il Comune di Padova e l’Associazione internazionale LUCI. I diversi partner dei progetti di animazione territoriale coinvolti da Luce in Veneto si confronteranno, infine, sulle opportunità di business offerte dalla collaborazione in un’ottica open innovation sotto il coordinamento dell’Università ESADE di Barcellona.
Il Convegno ha ottenuto l’importante sostegno anche della Federazione Regionale degli Ordini degli Architetti del Veneto (F.O.A.V.) e la relativa concessione di crediti formativi per gli architetti che vi partecipano.
Il Convegno ha ottenuto, inoltre, il patrocinio da parte dell’Associazione Professionisti dell’Illuminazione APIL, condividendone i contenuti proposti.
Al termine della giornata convegnistica del 19 maggio, all’interno del prestigioso contesto della Villa Cà Marcello, gli ospiti verranno coinvolti in un evento in stile Guerilla Lighting sotto il coordinamento tecnico dell’archietto Roberto Corradini e con la collaborazione dell’associazione Guerrilla Lighting Italia, in un format europeo finalizzato a diffondere la cultura della luce.
Ulteriore iniziativa che Luce in Veneto ha inteso lanciare, in qualità di soggetto promotore della Rete Innovativa Regionale Venetian Smart Lighting di prossima approvazione da parte della Regione Veneto, è il lancio di un premio annuale denominato Venetinan Smart Lighting Award. Una giuria composta da lighting designer e altre personalità legate al mondo della luce, valuteranno le soluzioni proposte non solo negli aspetti estetici ma anche per la loro funzionalità come apparecchi di illuminazione a 360°. Saranno previste diverse categorie di migliore prodotto: dallo stile classico a quello moderno e a soluzioni domotiche.

Tags: Rete di Imprese Luce in Veneto|Guerilla Lighting|