Galà dello sport del Camposampierese. Un grande successo l’edizione 2016 a Murelle

«Una grande festa, un enorme spettacolo: evento riuscitissimo!». Così esordiscono il consigliere con delega allo sport Michele Conte e il vicesindaco di Villanova Elena Pagetta, in merito al successo della settima edizione di “Ama la Vita Vivi lo Sport – Galà dello Sport del Camposampierese”: «Siamo stati orgogliosi di accogliere nel nostro comune un evento così importante – continuano –. Vedere la tensostruttura di Murelle gremita di sportivi e di appassionati provenienti da tutto il territorio della Federazione è stata una bellissima soddisfazione». L’evento, ospitato sabato 29 ottobre dal comune di Villanova di Camposampiero, ogni anno vede cambiare la sede a testimonianza del valore sovra comunale dell’iniziativa.

L’organizzazione è a cura degli assessorati allo sport degli 11 Comuni, in collaborazione con Atletica Libertas Sanp e con la Federazione dei Comuni del Camposampierese, con la partecipazione del Coni, il Comitato Olimpico Nazionale Italiano. La Regione del Veneto e la Provincia di Padova hanno concesso il loro patrocinio. «Un Galà dello Sport - sottolineano gli assessori - che il nostro territorio merita per i tanti sforzi che le società sportive fanno in questo importante settore, ma anche un’iniziativa che dimostra una volta di più la necessità di creare reti territoriali e politiche condivise».

Il Galà dello sport vuole essere non solo il simbolo dell’unione, prettamente amministrativa, dei vari Comuni, ma soprattutto del legame tra cittadini e associazioni, i veri protagonisti del territorio. In occasione della settima edizione del Galà dello Sport, sono stati premiati (due per ciascun comune della Federazione) le società e gli atleti che si sono distinti nella stagione sportiva, il cui elenco è stato reso noto: Borgoricco: A.S.D Borgoricco, Squadra Ginnastica Ritmica Spartum (Sofia Valente e Lucia Caccin); Campodarsego: Leonardo Giacometti (Atletica Libetas Sanp), Squadra Ginnastica Artistica Spartum (Angela Ruffato, Carlotta Visentini, Anna Volpato); Camposampiero: San Domenico Savio Volley, Matteo Pierobon (A.I.A.); Loreggia: Anna Zorzi (Atletica Libetas Sanp), ASD Virtus Agredo Esordienti 2003; Massanzago: Diego Cagnin (Arcieri Decumanus Maximus), Giulia Stevanato (Padova Volley Project); Piombino Dese: Piombinese Pattinaggio Artistico, Stefano Lucato (Asepa Padova); San Giorgio delle Pertiche: Luca Gaetani Racing, A.S.D. Drago Kick Boxing; Santa Giustina in Colle: Giacomo Cagnin (Rondinelle Calcio), Matteo De Bastiani (Calcio Padova); Trebaseleghe: Bocciofila Ai Tre Mulini, I Lupi Grigi Volley; Villa del Conte: Lorenza De Franceschi e Lucia Candiotto (maratonete); Villanova di Camposampiero: Matteo Coletto A.S.D. Guajira Son, G.S. Murelle.

Un riconoscimento particolare è stato consegnato alle squadre che hanno partecipato alla settima edizione del torneo di calcio cat. pulcini “Per non dimenticare”, svoltosi a San Giorgio delle Pertiche in collaborazione con l’omonima associazione in ricordo delle vittime della strada: un modo, questo, per coniugare i valori dello sport con l’impegno e la sensibilizzazione nei confronti di importanti tematiche sociali. Un premio speciale è stato conferito anche a Lucia Bano, che da anni allena gli atleti disabili dell’Aspea con risultati di livello internazionale.

«Sono soddisfatto di come è andata questa edizione – commenta Valter Gallo, coordinatore del tavolo degli assessori e dei consiglieri allo sport –. Sono contento della scelta dei colleghi in merito agli sportivi e alle società premiate: ci teniamo a riconoscere il valore di chi ha ottenuto importanti risultati, soprattutto dando spazio a quelle discipline che, troppo spesso, non vengono valorizzate. Stiamo parlando soprattutto degli sport che, purtroppo, hanno una visibilità minore, ma che secondo noi meriterebbero davvero la prima pagina».

Tra i piccoli, grandi campioni, il tavolo degli assessori e consiglieri allo sport si è riunito per indicare prima, e premiare poi, il nuovo atleta dell’anno del Camposampierese. E’ stato il momento clou della manifestazione il passaggio di testimone dalla campionessa Laura Geddo, nuotatrice nominata atleta dell’anno 2015, alla giovane promessa dell’atletica leggera, Mariaelena Agostini: “La Giuria sottolinea che la scelta va a premiare un’atleta giovane, in costante ascesa tecnica, nel momento forse decisivo della sua carriera sportiva, dotata di notevoli qualità e di un temperamento tenace, peculiarità che le hanno permesso di emergere in una disciplina fortemente competitiva quale l’atletica leggera. L’attribuire il riconoscimento ad un’atleta che si è meritata la convocazione in maglia azzurra testimonia inoltre il valore del movimento sportivo territoriale che riesce ad esprimere risultati importanti ed eccellenze di livello nazionale grazie al lavoro quotidiano di società attrezzate e di tecnici qualificati”. Questa la motivazione degli assessori e consiglieri allo sport che ha portato Mariaelena nel gradino più alto del podio del Camposampierese, e che rende fiero il nostro territorio di avere con sé una delle più forti atlete italiane polivalenti. Solo nella stagione 2016, si è confermata ad alti livelli laureandosi campionessa regionale di prove multiple (pentathlon) indoor, campionessa italiana Junior nella stessa disciplina e classificandosi seconda ai Campionati Italiani Assoluti. E’ stata inoltre finalista ai campionati italiani di getto del peso. Questi risultati le hanno valso la convocazione in maglia azzurra che ha vestito nel triangolare Italia – Francia.

«Il Galà vuole essere un’occasione per mettere in luce tutte le discipline sportive, premiando i nostri ragazzi che, per seguire sia lo studio che la passione agonistica, compiono grandi sacrifici – continua Valter Gallo -. Innanzitutto ringrazio i miei colleghi che mi hanno dato la possibilità di essere il loro portavoce, Carlo Toniato, nostro coordinatore tecnico e storico organizzatore, e un rinnovato ringraziamento al comune di Villanova che si è reso disponibile ad ospitare questa manifestazione».

«Il nostro caloroso ringraziamento va alla parrocchia di Murelle, agli assessori e ai consiglieri che compongono il tavolo territoriale dello sport, e a tutti coloro che hanno collaborato per rendere speciale questa serata, in particolare ad Alice Bertan e a Martina Mazzaro per il loro supporto», concludono Michele Conte ed Elena Pagetta.

Insomma, un successo a 360˚ che non vede già l’ora di ripetersi nella prossima edizione.

Tags: galà dello sport