Camp 2020. Bello, ben fatto e buono, come fare impresa in modo sostenibile

Non sono le tre B della musica, ma si pongono comunque obiettivi ambiziosi. Sono quelle dell’impresa camposampierese. La fabbrica del bello, ben fatto e buono (BB&B) è il nome del gruppo di lavoro che nell’ambito di Camp 2020 si sta occupando di impresa sostenibile, innovazione, ma anche responsabilità sociale e rispetto per l’ambiente. Ecco come la coordinatrice del tavolo di lavoro, Giovanna Montemurro, ne descrive gli obiettivi.

Cinque i microtemi per fare impresa in modo sostenibile nel Camposampierese: la mappatura delle aziende, la banda larga, la riqualificazione delle zone industriali, la semplificazione, l’ecostenebilità.
Conoscere e farsi conoscere
• Mappatura delle aziende. Per diffondere la conoscenza delle aziende presenti nel territorio e consentire progetti di rete nei settori al momento trainanti: agroalimentare, design (filiera) inteso come arredo, illuminotecnica e moda.
• Banda ultra larga. Interventi infrastrutturali; renderla accessibile; sostenere le aziende che hanno progetti autonomi per portarsi la fibra nelle loro fabbriche o aree industriali (scavi, posa, allacciamenti); accordo con Etra per sfruttare le sue reti di servizi (acquedotto, fognature) per far passare la fibra.
Innovazione e sviluppo
Per quanto riguarda i poli comuni o servizi associati per R&S, sono emerse due ipotesi: il sostegno alle start-up: luogo anche fisico quale incubatore di idee, luogo di stimolo e progettazione; portare alla certificazione quante più aziende possibile, soprattutto i terzisti per i quali oggi è strategico se vogliono lavorare con i medio/grandi produttori dimostrare la qualità del loro prodotto: certificazione del processo; certificazione energetica e ambientale.
Marketing territoriale: unire turismo industriale e turismo agroalimentare nel territorio allo scopo di portare nel territorio investitori, imprenditori esterni ed esteri. Incontri di settore (raggruppare tutte le aziende di un settore specifico e valorizzarlo attraverso convegni, incontri, inviti a potenziali clienti nazionali e esteri a “venire a vedere” le aziende e le varie produzioni, creando dei distretti formati da aziende di eccellenza dove industria, artigianato e commercio si uniscono in un obiettivo comune).
Welfare e pubblico
• Riuso dei capannoni non utilizzati a fini sociali… welfare generativo… privato-servizi sociali pubblico: nuovo modo di fare comunità;
• SUAP: regolamento unico per gli 11 Comuni del Camposampierese;
• Sperimentazione di un’area a burocrazia zero;
• Parcheggi: standard unici.
Ecosostenibilità
Progetto per creare cultura dell’ambiente e del risparmio energetico in azienda, la valutazione dell’efficienza energetica degli edifici ad uso industriale attraverso audit energetici mirati a rilevare il possibile abbattimento di emissioni CO2, formazione interna alle aziende, definizione degli indicatori campagna promozionale e diffusione buone pratiche.

Giovanna Montemurro
 

Categorie: Camp2020 Europa
Tags: Camp2020|Giovanna Montemurro|impresa|sostenibilità|innovazione